Millennials

Millennials

Leggi altri post di questo autore

di Nicolae Galea

Sono uno degli 800 mila ragazzi che aspetta la legge sullo Ius Soli, e non la aspetto tanto per la cittadinanza, ma per una questione di uguaglianza e sopratutto di rispetto.
Questa è per me la forma di integrazione più importante, e mi dispiace vedere come sono tutti bravi a parlarne e quando poi arriva il momento di fare qualcosa davvero si tirano indietro o fanno davvero molto poco.
Rifletteteci, se noi per primi discriminiamo dicendo frasi come “tu non sei italiano”, come pensatee si sentiranno questi ragazzi? Cresceranno integrati? Si sentiranno parte del nostro Paese? Non credo proprio.
Il problema però non è solo politico. Purtroppo in questo Paese se sei nero o mussulmano non va bene. Se fossimo stati tutti bianchi e cristiani vi assicuro che lo Ius Soli sarebbe già legge e nessuno avrebbe nulla da dire al riguardo. Compresi esponenti politici come Matteo Salvini.
Bisogna però non generalizzare e dire che fortunatamente molti italiani non la pensano così.
Politicamente è un momento delicato e complicato, ma non possiamo permetterci che alcuni esponenti politici facciano del male al nostro Paese facendo campagna elettorale sulla nostra pelle e contro il Partito Democratico.
Non aspettano altro. So che è brutto da dire, ma il nostro Partito perderà consensi e favoriremo la Lega e tutti quei partiti di estrema destra alle elezioni.
Per il nostro bene, per il bene del Partito, se veramente vogliamo questa legge aspettiamo ancora un po’, vi chiedo di essere pazienti.

Il Partito Democratico è sempre dalla parte dei più indifesi, vuole questa riforma è la farà.