Millennials

Millennials

Leggi altri post di questo autore

In questo periodo veniamo bombardati di notizie e fake news su questo virus, su come si sia trasmesso e se si fosse potuto evitarlo. Nel programma d’inchiesta giornalistica della Rai “Indovina chi viene a cena” nella puntata "Il virus è un boomerang"  viene illustrato il modo in cui il virus si è diffuso, quali sono stati i fattori che hanno accelerato la sua diffusione e la sua possibile prevenzione. Il virus secondo l’ipotesi più accreditata avrebbe compiuto il salto di specie in un mercato cinese, privo di frigoriferi e con la macellazione sul posto degli animali vivi; lo scambio sarebbe avvenuto tra il sangue dell’animale infetto (pipistrello) e il sangue umano. La Cina tuttavia non era nuova a questa situazione; nel 2002 sempre in un mercato cinese, avvenne il salto di specie del virus SARS-CoV da uno zibetto all’uomo. Il governo cinese reagì facendo strage di zibetti. Nel programma viene esaminato approfonditamente il problema dei mercati cinesi, in relazione soprattutto della grande presenza di animali a rischio di estinzione; e viene esaminata anche la medicina ufficiale cinese, contenente parti di animali, anch’essi a rischio. Nel programma inoltre, vengono mostrati una serie di dossier richiesti dal governo tedesco e dall’OMS, molti anni prima dell’inizio della pandemia. Viene messo in evidenza come alcuni dei più terribili e dei più infettivi virus degli ultimi anni, siano legati alla zoonosi (salto di specie da un animale all’uomo). Nell’ultima parte lo sguardo si posa su gli allevamenti europei e indiani, mostrando anche i dati dei nuovi consumi di carne e delle previsioni per i prossimi anni. Quello che il programma mette in luce è una spaventosa relazione tra l’uomo e l’ambiente. L’uomo sta creando il terreno fertile per la diffusione di nuove e sempre più letali malattie, in due modi:

  1. Deforestando e cacciando, crea le condizioni ideali affinché i virus presenti negli animali selvatici, mutino e infettino l’uomo.
  2. Utilizzando in dosi massicce gli stessi antibiotici usati per gli esseri umani, favorendo così la resistenza di virus e batteri agli stessi e favorendo la formazione di malattie sempre più incurabili e letali.

Consiglio di vedere questa puntata, per approfondire questo argomento. Inoltre invito chi fosse interessato a vedere il programma, poiché tratta non solo di ambiente, ma anche di alimentazione (mostrando criticità e contraddizioni della grande industria) e mostra esempi già esistenti in alcuni territori di sviluppo sostenibile.

Asia Re