Millennials

Millennials

Leggi altri post di questo autore

Di Asia Re

Questa mattina il Vice-Premier Luigi Di Maio, si è recato a Pomigliano, nel suo vecchio liceo.

Tanti sono stati i temi trattati, dal reddito di cittadinanza al decreto sicurezza ed anche della vicenda della scorta a Ruotolo (il giornalista Sandro Ruotolo, che è autore di diverse inchieste contro la Camorra ed in particolare contro il clan dei Casalesi). Ma non é solo per i temi trattati nel convegno, che questo ritorno a casa del Vice-Premier, ha ottenuto una così grande attenzione.

Infatti il Preside del liceo per mantenere l’ordine nell’istituto, ha vietato agli studenti di fare interventi durante il convegno.

Questo ha scatenato l’ira degli studenti, che tramite la loro rappresentante d’istituto Maurizia, si sono appellati sui social al Ministro, chiedendogli un confronto.

Ad accogliere il Ministro alla fine vi era una delegazione del sindacato Cobas e di studenti che lo hanno contestato duramente. Durante il convegno di Maio ha toccato tutte le questioni a cui il governo deve far fronte, come TAV, grandi opere, immigrazione. In seguito il Ministro si è dimostrato disponibile a rispondere alle domande degli studenti, sul decreto sicurezza e sui tagli alla scuola; affermando come “Su i migranti ci siano sensibilità differenti”. Sempre sul tema migranti, i ragazzi hanno incalzato il Ministro a rispondere, anche in relazione alla vicenda del centro di Castel nuovo. Di Maio ha risposto loro così “Per me principale sicurezza per la scuola è quella degli edifici. Se il tema è l’immigrazione, ci sono sensibilità differenti. Hai parlato di deportazioni, nazismo . Il tema è molto semplice: il centro di Castel nuovo di Porto aveva bisogno di un nuovo contratto di affitto per 12 milioni. Li abbiamo trasferiti con i bus e quei migranti avevano un posto nel Lazio. Ma questo è un tema enorme, se volete ne parliamo fuori da qui, altrimenti mi accusano di fare politica”.

Alla fine del dibattito un ragazzo ha replicato rivolgendosi al ministro: “Ma lei sta facendo propaganda elettorale da mezz’ora?”.

Anche la loro rappresentante Maurizia ha affermato a fine dibattito “Sono ammareggiata il ministro è venuto a fare campagna elettorale. Peccato.”

Insomma, un ritorno a scuola traumatico per il Ministro Di Maio!