Elia Bonci

Elia Bonci

Classe 96, scrittore esordiente, ha pubblicato Diphylleia, un romanzo per combattere omofobia e discriminazione. Sta affrontando un percorso di transizione e racconta la sua storia su Instagram.

Un altro brutto episodio di omofobia va ad aggiungersi alla lista per l’Italia, precisamente a Ravenna, dove un 19enne è stato aggredito verbalmente da due ragazzi mentre era su un bus insieme a due amiche.

I colpevoli della triste vicenda hanno inizialmente pensato bene di imitare il ragazzo con delle esagerate movenze femminili, additandolo come omosessuale. Lo stesso, umiliato da quello che stava accadendo, ha deciso di non rimanere in silenzio e di rispondere al vergognoso comportamento dei due aggressori. A difesa dell’amico sono intervenute immediatamente anche le due ragazze.

A dimostrazione della bassezza morale e della quasi assenza di educazione da parte dei due responsabili è la reazione avuta dopo la pronta risposta delle vittime, perché è risaputo che le bestie divengono più feroci quando la preda si dimena. Infatti, questi hanno iniziato ad aggredire pesantemente con le parole il ragazzo, dicendo frasi come

Dio ha creato uomo e donna per farli chiavare.

Oltre a questo, che non è altro che un mero attacco omofobo, i due hanno offeso anche le due ragazze, iniziando a fare battute sessiste e a sfondo sessuale.

I malcapitati hanno prontamente contattato le forze dell’ordine per denunciare l’accaduto. Quando le autorità sono arrivate sul posto gli aggressori si erano però purtroppo dileguati.

L’Italia si vede ancora protagonista, in soli pochi giorni, di un ulteriore episodio omofobo. Ci troviamo ancora una volta a dover ribadire l’esigenza di una legge che condanni questo tipo di cose e che tuteli la comunità lgbtqi+.