Millennials

Millennials

Leggi altri post di questo autore

Di Alessandro Quaglio

Il biotestamento è finalmente legge, oggi per l’Italia è una giornata storica, il Senato della Repubblica ha votato a favore di una legge che permette all’Italia di fare un grande passo in avanti per la dignità della persona. Tutto questo grazie alla responsabilità delle istituzioni e del governo PD diretto dal premier Gentiloni. In questa scelta di civiltà un grande contributo lo hanno dato le molteplici associazioni che hanno promosso attivamente l’approvazione del “biotestamento”. Oggi l’Italia è un paese più civile. Qualche anno fa un cittadino italiano non avrebbe potuto decidere quale tipo di trattamento desiderato nel caso in cui si fosse trovato in una situazione in cui non avrebbe potuto più esprimere alcuna volontà di scelta. Ogni «persona maggiorenne, capace di intendere e volere, in previsione di un’ eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può, attraverso «Disposizioni anticipate di trattamento» (Dat), esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto a scelte diagnostiche o terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, comprese le pratiche di nutrizione e idratazione artificiali». Questa legge permetterà finalmente anche in Italia, così come in molti altri Paesi civili, di poter lasciare disposizioni per non morire in modi indesiderati e tale atto avrà un valore vincolante per i medici.